Scuola di Politiche arriva in Sardegna con il corso “Impact”

La Scuola di Politiche arriva in Sardegna. Fino alla mezzanotte di venerdì 15 novembre sarà possibile inviare le candidature per il corso Impact “Geopolitica nel Mediterraneo, Ricerca e Innovazione”.

Il corso è aperto a 40 giovani di età compresa tra 18 e 30 anni. Le aree tematiche del corso saranno: “Mediterraneo: coesione, sviluppo e cooperazione”; “Le crisi mediterranee, la politica estera italiana e le migrazioni”; “Politica della ricerca, ecosistema dell’innovazione, impresa”; “La civiltà giuridica mediterranea”; “La Sardegna e le Istituzioni dell’autonomia; Infrastrutture immateriali e materiali; sistemi portuali”.

I corsi Impact Sardegna saranno organizzati dalla Scuola di Politiche in collaborazione con l’Università di Cagliari – Dipartimento di Scienze Politiche e della Svimez – Associazione per lo sviluppo dell’industria nel Mezzogiorno. La responsabilità scientifica dei corsi è affidata a Alessandro Aresu, direttore scientifico della Scuola di Politiche, e ai docenti Cristian Rossi e Barbara Onnis per l’Università di Cagliari.

Il corso in Sardegna è il quinto corso Impact attivo in Italia. dopo quelli di Milano, Torino, Genova e Arcavacata di Rende-Università della Calabria. La frequenza del programma Impact consente la partecipazione alle attività della Scuola di Politiche – Summer School, Conferenze e Andreatta Lecture – e dà diritto all’iscrizione al network degli Alumni SdP.

«Impact – si legge nella nota di presentazione – è un programma intensivo e gratuito di formazione: il primo corso in Sardegna si articolerà in quattro workshop (per un totale di 40 ore) tra dicembre e marzo 2020 e prenderà il via il prossimo 26 novembre, con una conferenza (nei prossimi giorni verrà diffuso in dettaglio il programma con i relatori) nella quale verrà presentato il Rapporto Svimez 2019 sull’economia del Mezzogiorno, con particolare riferimento ai dati e alle prospettive relative alla Sardegna».

La Scuola di Politiche è stata fondata nel 2015 dall’ex premier Enrico Letta, ed è giunta ormai al suo quinto anno di attività; il direttore è Marco Meloni, già consigliere regionale della Sardegna e deputato, mentre il direttore scientifico è Alessandro Aresu, attualmente capo della segreteria tecnica del ministro per il Sud e la Coesione territoriale.

Seguici su:
error

Università, impresa e innovazione: tre startup CLab premiate a Roma

Idee innovate per guardare al domani. Arrivano dal ContaminationLab dell’ateneo di Cagliari le prime tre start up premiate durante l’incontro dal titolo “Università, imprese e innovazione. Un ponte concreto tra il mondo della ricerca universitaria e i fabbisogni di innovazione delle imprese” tenutosi lunedì scorso presso la sala convegni LVenture group a Roma, al quale hanno partecipato anche gli atenei di Catania, Palermo, Sassari e della Tuscia. Ogni università ha presentato tre idee d’impresa ciascuna. L’evento nasce grazie alla collaborazione avviata lo scorso febbraio tra le accademie e Intesa Sanpaolo.  Le idee sono state valutate dal comitato scientifico composto da imprenditori, banchieri, manager e docenti. 

Le startup premiate. Il primo posto è andato a “Bacfarm”, la fabbrica di batteri, la prima e unica al mondo, creata per estrarre carotenoidi attraverso una tecnologia brevettata con il team formato da Giulia Guadalupi, Samuele Antonio Gaviano, Davide Emilio Lobina e Domenica Farci.
Seconda classificata “Regenfix”, il primo servizio di rigenerazione di colonne cromatografiche. Ovvero, costosi dispositivi da laboratorio utilizzati nella ricerca scientifica e nella produzione di farmaci, vaccini, insulina e tanti altri prodotti di uso comune. Il team è composto da Emma Cocco, Andrea Murru, Alessia Mereu, Michele Francesco Meloni e Domenica Farci.
Ad inventare i brevetti della due start-up è stato Dario Piano, docente e coordinatore di un team al Dipartimento di scienze della vita e dell’ambiente dell’ateneo di Cagliari
Terza piazza per “Relaxis”, che ha proposto il kefir di latte di capra per curare il colon. Nel team Piergiacomo Tedde, Elisabetta Secchi e Annamaria Laddomada.

Soddisfazione da parte dell’ateneo cagliaritano. «Aver visto Barcfarm, Regenfix e Relaxis aggiudicarsi la competizione ci inorgoglisce e conferma che la strada intrapresa con il CLab è vincente. Le start up maturate nel nostro Contamination – spiega in un nota Maria Chiara Di Guardo, prorettore Innovazione e territorio – conquistano le attenzioni degli operatori e dei mercati. E costituiscono un forte richiamo per i nostri studenti e per il tessuto produttivo della Sardegna. Sono ragazze e ragazzi attenti, intraprendenti e con uno sguardo innovativo che va oltre l’immediato. Pool di studenti provenienti da diversi ambiti disciplinari che noi con l’Unica Liaison office curato dallo staff di Orsola Macis, curiamo e supportiamo con grande attenzione»

Ai lavori hanno preso parte, tra gli altri, Pierluigi Monceri (direttore regionale Lazio, Sardegna e Sicilia Intesa Sanpaolo) e Gregorio De Felice (responsabile Direzione studi e ricerche Intesa Sanpaolo).

Seguici su:
error

“All About You”, a Quartu il progetto di scambio interculturale

Una settimana a Quartu per trenta giovani, dai 18 ai 25 anni, provenienti da sei paesi europei che parteciperanno al progetto di scambio interculturale “All About You” realizzato nell’ambito del programma Erasmus +

L’iniziativa, coordinata dall’associazione ‘Un giorno in più’ di Cagliari, è patrocinata dalla Città Metropolitana di Cagliari e dal Comune di Quartu Sant’Elena. Le ragazze e i ragazzi arrivano da Italia, Cipro, Spagna, Francia, Polonia e Nord Macedonia. 

“All About You” inizierà mercoledì 23 ottobre alle ore 18.30 presso l’Ex Convento dei Cappuccini in via Brigata Sassari a Quartu e si concluderà lunedì 28 ottobre a Palazzo Regio a Cagliari con la cerimonia finale nella quale i ragazzi avranno modo di condividere i risultati della loro esperienza. «Tutte le attività – si legge nella nota di presentazione –  si svolgeranno in lingua inglese e utilizzeranno strumenti forniti dall’educazione non formale. I risultati del progetto saranno promossi a livello internazionale attraverso presentazioni nelle comunità locali dei Paesi partecipanti, la pubblicazione di articoli e campagne online». 

«L’obiettivo del progetto è quello di permettere ai giovani di conoscere meglio la propria identità al fine di comprendere maggiormente anche quella di chi proviene da contesti culturali differenti» spiega in una nota la pedagogista Donatella Olla, Garante dei diritti dell’infanzia e l’adolescenza della Città Metropolitana,

Seguici su:
error

“Non è tutto ambra quel che luccica, la scienza di Jurassic Park”: Willy Guasti all’Hostel Sardinia

Proseguono gli appuntamenti con gli youtuber “dal vivo” all’Hostel Sardinia. Sabato 12 ottobre alle ore 21.00, in via Dante 35 a Quartu, arriva Willy Guasti, protagonista del canale YouTube “Zoosparkle” con il suo spettacolo dal titolo “Non è tutto ambra quel che luccica, la scienza di Jurassic Park”

28 anni, laureando in Scienze Naturali, Guasti è un divulgatore scientifico. Il suo canale YouTube conta oltre 40mila iscrizioni e oltre duemilioni e trecentomila visualizzazioni. È stato il volto di un programma su FocusTV e consulente scientifico per alcuni progetti editoriali.

Evento facebook: https://www.facebook.com/events/379147112746974/

«Quando era piccolissimo, anche Willy è rimasto folgorato da “Jurassic Park”. Nella sua testa era come guardare dei dinosauri veri. La passione per i dinosauri colpisce tutti i bambini, alcuni guariscono, altri come Willy, diventano portatori sani.
Ora Willy è cresciuto, ha studiato, è conosciuto dai più appassionati come Zoosparkle e ha confrontato il suo film preferito con le verità scientifiche che ha studiato.Coinciderà tutto per filo e per segno o ci saranno delle incongruenze?» si legge della descrizione dell’evento facebook dello spettacolo. 

I biglietti per lo spettacolo sono acquistabili su Eventbrite 

[Foto tratta da pagina facebook: ZooSparkle]

Seguici su:
error

L’Università e il digitale, nasce DH Unica.it

L’Università di Cagliari prosegue la sua strada verso la digitalizzazione. Nasce DH.UNICA.IT, la piattaforma digitale nata e realizzata dal Dipartimento di Lettere, Lingue e Beni Culturali dell’ateneo cagliaritano per sperimentare l’interazione tra le metodologie della ricerca umanistica e gli strumenti informatici e garantire così percorsi innovativi nella didattica e nella ricerca.

L’obiettivo della piattaforma è quello di realizzare un Centro per l’Umanistica digitale che permetta il passaggio al digitale delle scienze umanistiche dell’Università di Cagliari, a partire dal Dipartimento che ha concepito il progetto.

Con la piattaforma – si legge dal sito unica.it – verranno realizzati nuovi ambienti digitali nei quali sviluppare progetti di ricerca e didattica innovativi negli ambiti della storia, dell’archivistica e della paleografia, del cinema e degli audiovisivi, della musica, dell’etnomusicologia, del teatro, delle arti figurative e plastiche, della teoria dei linguaggi, della geografia, dell’antropologia, della sociologia, dell’economia, della letteratura e, in generale, della cultura umanistica.

DH.UNICA.IT è coordinato da Giampaolo Salice grazie alla collaborazione di Antioco Floris, Marco Lutzu, Eleonora Todde, Andrea Corsale e Alessandro Capra, coordinatori dei diversi ambiti del progetto.

La presentazione è in programma giovedì 25 luglio alle ore 11.00 nell’aula Motzo della Facoltà di Studi Umanistici in via Is Mirrionis a “Sa Duchessa”

[Foto di Beatrice Schivo]

Seguici su:
error
  • 1
  • 2
  • 5
PS logo inverted


Profilo Sociale - Periodico Online - Registrazione Tribunale di Cagliari n.4 del 26 aprile 2018