fbpx

Mese: Maggio 2019

STARTER apre al turismo, via al progetto “My Open Sardinia”

Parte da Quartu Sant’Elena il nuovo e importante progetto di STARTER Cooperativa Sociale. Fino al 26 agosto sarà possibile partecipare al crowdfunding per la nascita di “My Open Sardinia” un portale interattivo e accessibile che permetterà agli utenti di poter programmare la propria visita, associando all’esperienza turistica in senso stretto (monumento, spiaggia, open air.), la possibilità di scoprire e conoscere l’essenza della Sardegna: le persone che la vivono.

My Open Sardinia” è un progetto che vuole mettere insieme tanti attori della comunicazione per creare un mezzo che metta insieme la facilità d’accesso all’informazione, al luogo, all’esperienza e alla socialità.

«Vogliamo proporre al visitatore non solo la meta turistica, ma anche ciò che sta accanto e che non ha le forze per promuoversi: il piccolo ostello gestito dalla cooperativa sociale, l’agriturismo degli antichi pastori, il percorso trekking delle giovani guide naturalistiche solo per fare alcuni esempi» racconta Nicola Cabras, Presidente della cooperativa.

«Il nostro intento è quello di mettere le nostre competenze e professionalità a disposizione di ogni persona di qualsiasi paese che voglia venire a visitare la Sardegna – prosegue il Presidente – Vogliamo perciò censire i luoghi d’interesse e le mete turistiche spesso poco conosciute nei comuni che, per qualsiasi ragione, faticano ad investire nel turismo. Vorremmo attuare una rivoluzione permanente che negli anni, attraverso la manutenzione, porterà lavoro e presenza fisica anche nei territori più svantaggiati».

Il progetto verrà realizzato mettendo in gioco le professionalità dei soci e dipendenti della STARTER Cooperativa Sociale, esperti da anni nel settore della comunicazione sociale e nella realizzazione di contenuti audio/video. Per ogni meta e luogo d’interesse, STARTER realizzerà un’audio/video guida multilingua disponibile in remoto o attivabile nel proprio smartphone attraverso un QR CODE posizionato vicino al monumento o in un punto non invasivo del sito. Non solo audio/video guida ma un portale interattivo e accessibile che darà l’opportunità di creare il proprio percorso turistico all’interno dei paesi e delle città sarde ancor prima di essere giunti sul luogo.

Ogni audio/video guida verrà realizzata attraverso foto e video del sito da promuovere; video girati col drone da un pilota certificato; la scrittura dei testi attraverso ricerche e documenti con traduzione in nove lingue (tra cui il sardo) e la registrazione delle tracce audio in uno studio professionale; la consulenza artistico/architettonica da parte di un professionista che verificherà la veridicità dei testi.

L’investimento iniziale è di 7.000 euro che coprirà i costi di creazione e lancio del portale “My Open Sardinia” e il posizionamento e la realizzazione delle prime audio/video guide nei luoghi d’interesse della città di Quartu Sant’Elena a partire dalla Basilica di Sant’Elena Imperatrice.

Il progetto “My Open Sardinia” è visitabile sul sito derev.com dove è già possibile avere ulteriori informazioni sulle donazioni.

Quartu, prosegue la protesta dei lavoratori del verde pubblico [Video]

Secondo giorno di tamburi e sirene sotto il palazzo comunale a Quartu Sant’Elena per la protesta dei lavoratori del verde pubblico. A casa dallo scorso 14 maggio, i trenta operai continuano a manifestare con la stessa modalità del mese di settembre ma senza un presidio notturno. Tutti in piazza per rivendicare il loro lavoro e un nuovo appalto.

In città, i parchi restano chiusi e le aree verdi delle scuole, nelle piazze e al Poetto, rimesse in sesto dai lavoratori fino alle metà di maggio ora sono nuovamente sporche.

I lavoratori si augurano che si trovi una soluzione al più presto per poter tornare al loro lavoro.  «In questi mesi non è cambiato niente – racconta Andrea Cogoni, uno dei lavoratori – Siamo qui e non siamo al nostro posto di lavoro. Vorremmo riprendere al più presto. Spero che questa vertenza finisca perché dura  da tanto tempo». Per lui, un lavoro iniziato undici anni fa, passato per tre consiliature, in questi mesi diventato sempre più complicato: «Non siamo mai rimasti fermi così a lungo. Da quattro mesi lavoriamo per 21 ore a settimana e non percepiamo nemmeno la disoccupazione. Non possiamo andare avanti così».

Ecco la video-intervista

Continua la protesta del verde pubblico

Andrea Cogoni intervistato durante il secondo giorno di proteste sotto gli uffici del comune di Quartu da parte degli operatori del verde pubblico cittadino

Pubblicato da Profilo Sociale su Giovedì 30 maggio 2019

La città oltre la città: nuovo appuntamento con Cambiamo Quartu

“Non aspettiamo che altri decidano per noi. Siamo il cambiamento che vogliamo”

Venerdì 31 maggio alle ore 18.30 all’Hotel “Su Meriagu” in via Rimini 1 a Quartu è in programma un nuovo appuntamento di “#cambiamoquartu“. L’incontro ha come titolo “La città oltre la città: prospettive, problematiche e proposte”. Piani di risanamento, lottizzazioni, strade, servizi e tante altre le tematiche da discutere e presentare legate al litorale e a Flumini, dove oggi vive una popolazione numerosa come grandi città.

Si tratta del secondo appuntamento del viaggio attraverso il territorio comunale per incontrare, conoscere, ascoltare e proporre ciò di cui i cittadini cercano di far ascoltare ad un’amministrazione distante. L’incontro, che nasce dalle proposte fatte dai ragazzi under 40, sarà aperto a tutti, di ogni età, vedrà soprattutto i cittadini delle zone del litorale ascoltare e discutere su prospettive, problematiche e proposte.

«Con alcuni amici – raccontano gli organizzatori – abbiamo sentito la necessità di buttare giù idee per la città. Ed è nata l’idea di organizzare degli incontri, inizialmente tra giovani millennials (nati dopo il 1980), senza nessuna connotazione partitica, un vero e proprio contributo alla programmazione del futuro della città. Ora vogliamo che i primi spunti nati dall’incontro di marzo si arricchiscano grazie al contributo di tutti, senza distinzione di età»-

“Sii il cambiamento
#Bethechange”

Quartu, verde pubblico ancora in rivolta

Questa mattina è ripresa la protesta dei 30 lavoratori del verde pubblico di Quartu, arrabbiati per l’ennesima promessa della giunta Delunas di un bando che “forse” arriverà a breve.

In programma per questa mattina del 29 maggio dovrebbe esserci l’apertura delle buste economiche per l’aggiudicazione provvisoria dei lavori ma gli operatori promettono di restare accampati fino a che non vedranno trasformarsi in realtà le promesse della giunta.

Con le famiglie dei dipendenti logorate dalla poca sicurezza lavorativa si è schierata anche una madre che ha voluto portare il proprio supporto alla protesta:

Vorrei che mio figlio potesse giocare in un parco adatto a lui e decoroso per la città. La giunta sta mettendo in secondo piano il nostro futuro, ossia quelli che oggi sono bambini ma che un domani saranno adulti che non vorranno rimanere in questa città abbandonata a se stessa.

È iniziata la protesta dei lavoratori del verde pubblico sotto gli uffici del comune di Quartu, a breve l’articolo

Pubblicato da Profilo Sociale su Mercoledì 29 maggio 2019

Instagram, istruzioni per l’uso: masterclass con Francesco Pruneddu

Un miliardo di utenti attivi ogni mese, oltre 500 milioni quelli attivi ogni anno, oltre 300 milioni usano le Stories. Sono questi i numeri di Instagram, il social network diventano sempre più popolare e utilizzato dalle persone comuni e dalle aziende.

Mercoledì 12 giugno 2019, a partire dalle ore 09.30, in via Eligio Porcu 116 a Quartu Sant’Elena, STARTER Cooperativa Sociale organizza una masterclass con Francesco Pruneddu (@ch_ecco), social media manager di varie aziende, brand ambassador nella promozione delle aziende di food & wine e influencer.

Attraverso una parte teorica e una parte pratica, Pruneddu illustrerà metodi e trucchi per poter gestire al meglio il proprio profilo, potersi muovere nel mercato odierno, promuove nel migliore dei modi un progetto, la propria azienda e il proprio hobby.

Che si tratti di lavoro o divertimento, in comune c’è sempre una cosa, il proprio smartphone. Grazie a questo infatti abbiamo in mano la possibilità di poterci mostrare a tutto il mondo sul social con il maggior tasso di crescita mai registrato, la piattaforma adatta allo sviluppo di strategie di marketing nuove ed in costante aggiornamento. La condivisione dei contenuti visivi, l’uso degli hashtag, fa si che l’interazione sia superiore a qualsiasi altro social network.

Questo il programma della masterclass: scegliere Instagram, vantaggi e opportunità del visual storytelling, numeri, crescita e engagement; come sfruttare al meglio il terzo social network più usato al mondo tra biografia, profilo personale o business, insight, foto, video, storie e hashtag, il fenomeno dello shadow-ban tra tag e didascalia; come affinare la propria presenza su Instagram per accrescere l’audience e creare engagement; il fenomeno Stories: perché e come usare la funzione sempre più amata su Instagram; consigli e trucchi per creare stories, sfruttare sondaggi, dirette, boomerang, album tematici; i migliori tool e app per editing, repost, monitoraggio e programmazione come Snapseed, Vsco, Lighthroom, Inshot, Unfold, Downloadgram, Onlypult; microinfluencer e influencer; Instagram Adv per creare una campagna pubblcitaria; esempi di account da seguire per farsi ispirare prima di dar vita al proprio progetto fotografico su Instagram; la sicurezza su Instagram attraverso l’autenticazione a due fattori e cosa fare in caso di furto dell’account.

Il workshop è realizzato con il contributo della Fondazione di Sardegna nell’ambito delle iniziative di Artigiani in Mostra 2019.

I biglietti sono disponibili online su Eventbrite.

Evento facebook – Instagram masterclass con Francesco Pruneddu

PS logo inverted


Profilo Sociale - Periodico Online

Editore: Starter s.c.s. - Quartu Sant'Elena (CA), via Eligio Porcu 116 - P.Iva 03564920928

Direttore responsabile Andrea Matta - Registrazione Tribunale di Cagliari n.4 del 26 aprile 2018

Hosting provider: Netsons s.r.l. - Pescara (PE), via Tirino 99 - P.Iva 01838660684