fbpx

Cagliari e la sua Municipalità in festa tra colori, maschere e tradizioni di Carnevale

Tutto pronto a Cagliari e nella Municipalità di Pirri per celebrare il Carnevale 2024 con una serie di eventi che promettono di trasformare la città in un tripudio di colori e divertimento. La conferenza stampa ospitata stamani a Palazzo Bacaredda ha svelato i dettagli di un programma ricco di tradizioni e festeggiamenti.

Oggi (8 febbraio), Giovedì Grasso, la festa partirà con un corteo alle ore 17 dal Bastione. Il percorso attraverserà i quartieri storici di Castello, Marina, Stampace e Villanova, animando le strade con maschere, tamburi e balli.

Il divertimento continuerà domenica (11 febbraio) con “Carnevale in famiglia”, un altro appuntamento imperdibile. La partenza da piazza Garibaldi alle 17.30 sarà seguita da una festosa marcia, attraversando le vie dello shopping e raggiungendo la piazza Yenne.

Le celebrazioni proseguiranno Martedì Grasso (13 febbraio) con l’inizio alle 18 nel Corso Vittorio Emanuele II. Lungo il percorso attraverso via Manno, piazza e via Garibaldi, “i festeggiamenti quest’anno non culmineranno nel piazzale di via Santa Margherita con lo spettacolare rogo di Re Cancioffali per motivi di sicurezza”, ha annunciato Matteo Putzu dell’ACS Senza Confini, che coordina l’organizzazione dell’evento. Per gli stessi motivi non sfileranno neanche i carri allegorici.

La ratantira, le sfilate e la vivacità della tradizione saranno i protagonisti indiscussi di queste giornate di festa, unendo grandi e piccoli in un abbraccio di allegria carnevalesca. Come la Pentolaccia di domenica 3 marzo al Villaggio dei Pescatori dove dalle ore 18 sono previsti giochi, animazione, spettacoli con artisti di strada e, in forma ridotta, il rogo di Canciofali.

All’appuntamento con i cronisti di questa mattina di giovedì 8 febbraio, oltre a Matteo Putzu, Mariano Strazzeri, Fabrizio Aramu e Omar Lecca, rispettivamente di ACS Senza Confini, Comitato Villaggio Pescatori, Sa Ratantira casteddaia e Gruppo Viking che curano l’organizzazione del “Carnevale cagliaritano” 2024 insieme all’associazione Tuvumannu, anche Rita Atzeri dell’associazione il Crogiolo, che invece organizza “Su Carrasciuali pirresu”.

“Iniziato il 28 gennaio – ha spiegato Atzeri – i festeggiamenti a Pirri continuano oggi, Giovedì Grasso, a Casa Saddi. Con un ticket di 1 euro alle ore 17 si potrà assistere allo spettacolo teatrale “Nais (Rami) e alle ore 20.30 a ”Il sogno di un uomo ridicolo”, tratto da un racconto di Dostoevkij”.

Si prosegue l’11 febbraio, domenica di Carnevale, al Parco della Vetreria, con la sfilata delle maschere dalle ore 11 e alle ore 12 “Bingo e la magia delle bolle di sapone”. Alle ore 17 Casa Saddi accoglierà “Frammenti rosa”, alle ore 19.30 “Ninna nanna per la pace”.

Il 13 febbraio, Martedì Grasso, sempre a Casa Saddi, gli spettacoli “Mago OZ”, alle ore 17, e “Le corna sono come i tacchi slanciano”, alle ore 21.

Dialogo tra Comune di Quartu e Spagna per valorizzare tradizioni e prodotti locali

Due realtà che amano le tradizioni, due subregioni in cui le produzioni artigianali ed enogastronomiche sono centrali e forsanche vitali per le rispettive economie. Le delegazioni istituzionali di Quartu e Chinchilla, Comune della comunità autonoma di Castiglia-La Mancia, in Spagna, si sono incontrati, alla presenza dei vertici nazionali di AICCRE, per un primo incontro conoscitivo in vista di uno scambio culturale. 

Le Sala Giunta dell’Ex Convento dei Cappuccini di via Brigata Sassari è stato il teatro stamattina di un incontro propedeutico a un eventuale gemellaggio, con l’obiettivo di rinforzare, valorizzare e far conoscere anche oltre i propri confini nazionali le rispettive tradizioni e le eccellenze della produzione enogastronomica e artigianale, anche nell’ottica di una crescita turistica delle due comunità. Le culture sarda e spagnola sono d’altronde molto vicine sotto tanti aspetti, anche in virtù dei quattro secoli percorsi insieme tra Medioevo ed età contemporanea.

Hanno partecipato al meeting l’Assessora alle Attività Produttive del Comune di Quartu Rossana Perra, l’Assessora di Chinchilla de Monte-Aragón e Sindaca de La Felipa Angela Gomez, il docente dell’Università di Albacete Vose Fajardo, il Vicepresidente nazionale dell’Associazione italiana per il Consiglio dei Comuni e delle Regioni d’Europa (AICCRE) Efisio De Muru e il consigliere comunale di Quartu nonché dirigente AICCRE Francesco Piludu.

È stata l’occasione per ribadire l’importanza delle tradizioni e per rappresentare la volontà di promuovere e valorizzare il patrimonio identitario locale e di tutta la Sardegna. Una storia raccontata attraverso i colori, i suoni e i prodotti tipici, che a Quartu in particolare si concretizza nella produzione del pane, del vino e dei dolci, nel ballo e nel canto improvvisato, nella filigrana e nei tessuti, come espresso nel corso dell’incontro dall’Assessora Perra. Una città in cui l’impegno dei gruppi folk è da sempre molto vivo e che si concretizza ormai da 35 anni nel Festival Internazionale del Folklore Sciampitta e da qualche anno anche nella rassegna ‘Si Ghètat custu bandu’, che ha appunto la storica dimora campidanese Sa Dom’e Farra come location d’eccezione.

La delegazione spagnola ha voluto sottolineare come dopo gli anni di pandemia sia ancora più forte l’esigenza di rafforzare i rapporti, lavorare sugli interscambi, sulla valorizzazione della cultura, su tutto ciò che è legato alla tradizione, alla natura e quindi ai prodotti locali. E ha raccontato come la comunità dalla quale proviene sia specializzata nella lavorazione dei cesti e nella produzione di birra e sia attualmente impegnata nell’organizzazione di un festival internazionale di marionette.

Anche i rappresentanti AICCRE hanno voluto ricordare l’importanza dello scambio di conoscenze in merito alle tradizioni e delle necessità di dare sempre maggiore valore a cultura ed enogastronomia, ricordando anche che vi sono tanti punti di contatto tra le popolazioni dei territori bagnati dal Mediterraneo e che lo scambio di idee è importante per favorire la programmazione di iniziative pubbliche, capaci di coinvolgere associazioni e produttori.

I flussi turistici sono sempre più interessati alle esperienze e quindi alla conoscenza della cultura più vera dei luoghi che visitano. Fare rete, promuovere queste sinergie significa far conoscere le piccole regioni, quindi anche i nostri territori e portare così ricchezza alla nostra comunità.

“PATAQUARTU” con musica, sport e degustazioni

Buon cibo, streetfood, sport e musica, prodotti tipici e di artigianato, con un grande filo conduttore, le patate di Quartu. Sabato 22 luglio il centro di Quartu Sant’Elena si accende con “PataQuartu Sa Passillara”, l’appuntamento organizzato da Coldiretti Cagliari in collaborazione con l’amministrazione comunale. Un evento che unisce intrattenimento e buon cibo con l’obiettivo di valorizzare le patate di Quartu, riconoscendo l’importanza di questo prodotto nella tradizione e nell’economia locale.

COLDIRETTI. Quello che andrà in scena è un evento “che non solo sarà un momento di intrattenimento per la comunità quartese e i turisti, ma permetterà di far conoscere meglio la bontà di uno dei prodotti tipici di questo territorio – sottolinea Giorgio Demurtas, presidente di Coldiretti Cagliari – si tratta di un altro appuntamento importante per le nostre aziende nell’ottica del consolidamento di una filiera produttiva sostenibile che propone prodotti di altissima qualità, oltre che simbolo dell’identità culinaria del territorio”. Per il direttore Luca Saba, inoltre “queste azioni di promozione e comunicazione delle eccellenze tipiche locali consentono di rafforzare il legame con i consumatori – sottolinea – un legame che permette di aumentare la domanda e dunque la presenza del prodotto nei mercati e garantire, quindi, una giusta remunerazione ai produttori locali in un’ottica di sviluppo di un’economia circolare con ricadute positive sul tessuto sociale ed economico”. Sulla stessa linea anche Piero Sarritzu, presidente Coldiretti Quartu Sant’Elena: “Pataquartu è un’occasione unica per la comunità locale e per i visitatori di immergersi nell’autenticità della nostra eccellenza agricola, scoprire i prodotti tipici del nostro territorio e vivere momenti di festa e gioia insieme – dice – come lo scorso anno abbiamo voluto coinvolgere le diverse attività della nostra città partendo dalle strutture ricettive fino alle società sportive portandole direttamente dentro l’evento nella via principale del commercio cittadino per creare una grande rete collaborativa sotto segno di Coldiretti Cagliari e Campagna Amica”.

COMUNE DI QUARTU. “Pataquartu è organizzato in collaborazione con l’amministrazione comunale di Quartu Sant’Elena che fin dall’inizio del suo mandato ha enunciato fra le sue priorità quella di voler lavorare per il rilancio del settore agroalimentare e per il rafforzamento di una filosofia di filiera che racchiuda in sé il valore aggiunto del proprio territorio, delle sue tradizioni e delle sue eccellenze. Una strategia che si concretizza anche attraverso la presenza del Comune di Quartu all’interno del Distretto di Sant’Isidoro”, spiega l’assessore Rossana Perra. “Pataquartu va nella giusta direzione, coniugando tutte queste leve e facendone volano di promozione in chiave produttiva, turistica e culturale – aggregativa”

L’APPUNTAMENTO. L’evento partirà già dalla mattina del 22 luglio (dalle ore 10 alle 13) con il Mercato di Campagna Amica di via Pitz’e Serra dove insieme alla vendita dei prodotti freschi a km0 delle aziende di Coldiretti, ci sarà una esposizione delle varietà di patate che verranno raccontate con attività d’informazione sulle caratteristiche organolettiche e tecniche di produzione. La sera l’appuntamento clou di viale Colombo con la mostra-mercato delle patate e delle produzioni del territorio. Lungo tutta la via sarà possibile degustare una ricca varietà di piatti a base di patate, in collaborazione con il “Centro Commerciale Naturale “La via Del Mare”. Assicurato anche lo spettacolo musicale e le esibizioni grazie alle 13 associazioni sportive del territorio partner del progetto.

ASSOCIAZIONI. Momento importante della giornata sarà quello della distribuzione delle patate della solidarietà con le associazioni “Mai più sole contro il tumore ovarico” e “Il giardino di Lù”. Il ricavato dalla vendita delle patate sarà devoluto alle onlus. La manifestazione sarà preceduta il giorno prima (venerdì 21 luglio – dalle ore 18 all’Ex Convento dei Cappuccini in via Brigata Sassari, 35) da un incontro con la stampa e dal convegno “Filiera pataticola, tra Distretto e Sviluppo Rurale” durante il quale, in collaborazione col Distretto rurale – Sant’Isidoro Mario Fadda, si discuterà anche di Pac e dei percorsi di valorizzazione delle produzioni locali.

COLLABORAZIONI. Per Alberto Zoncheddu, presidente della Ferrini Basket, inoltre “c’è grande entusiasmo per l’invito e la partecipazione del mondo sportivo quartese in un progetto più ampio, condiviso con Coldiretti, per la sensibilizzazione al consumo di prodotti a chilometro zero e alla promozione di uno stile di vita sano e sostenibile già dalle fasce più giovani della popolazione oltre che a promuovere una corretta pratica sportiva – dice – in quest’occasione arricchiremo un evento già strategico per il contesto quartese mettendolo in relazione con le altre eccellenze dei paesi circostanti che costituiscono il Distretto Rurale Sant’Isidoro – Mario Fadda”. Il presidente del Centro commerciale naturale viale Colombo ‘La Via del Mare’, Luca Stochino aggiunge: “Siamo felici di ospitare per la prima volta sulla Via del Mare una delle iniziative più importanti della nostra città – dice – contribuire insieme a numerose associazioni sportive quartesi a questo fantastico progetto della Coldiretti e Campagna Amica ci rende molto orgogliosi. Commercianti e ristoratori hanno da subito sposato l’iniziativa con entusiasmo – conclude – la chiusura della strada dà una visione turistica nuova e potrebbe diventare palcoscenico di tanti altri importanti momenti di svago, arte e cultura per la nostra città e i nostri cittadini”.

Oltre ogni muro un volto: a Quartu sfila il riscatto sociale

Il 27 Maggio, nella sede di Arcoiris ODV ETS a Quartu Sant’Elena, si è tenuta una sfilata di moda curata da due stilisti d’eccezione. Diarra Kouroma e Ebrima Sanneh sono infatti due richiedenti asilo che tramite il progetto “Oltre ogni muro un volto”, guidati dall’Associazione La Matrioska, hanno completato un percorso di formazione sartoriale.

Kouroma e Sanneh e hanno partecipato al progetto della CMV Per e finanziato dalla fondazione Migrantes per un complessivo di 60 ore. Seguiti da una formatrice professionista, i due sarti hanno potuto apprendere diverse tecniche di cucito e combinarle con le loro esperienze e idee pregresse.

Sanneh cuciva ancora prima di arrivare in Italia, sviluppando così una collezione dallo stile sincretico che unisce tecniche e tradizioni. Kouroma é alla sua prima esperienza di cucito e si è detto felice di aver potuto vivere un’esperienza così professionalizzante.

Oltre all’associazione la Matrioska, i due sarti protagonisti hanno potuto contare sul sostegno di numerose realtà locali. Infatti, il progetto ha ricevuto ulteriori finanziamenti dagli alunni dell’Università della Terza Età e da un Liceo di Villacidro. Inoltre, ha potuto contare sull’Associazione Interculturale Arcoiris ODV ETS che ha fornito location e collaborazione e sull’agenzia di eventi Seconda Stella. Partner del progetto anche la comunità Il Sicomoro, la Caritas della Diocesi di Cagliari e il Comune di Quartu Sant’Elena.

Le Wardrobe Collection esclusive create da Diarra Kouroma e Ebrima Sanneh sono disponibili da Urban Pep a Cagliari.

Talent Day Confcommercio Sud Sardegna: quasi 200 colloqui

Imprese e aspiranti lavoratori si sono incontrati oggi a Cagliari al Talent Day, fiera del lavoro organizzata dalla Fipe Confcommercio Sud Sardegna andata in scena lunedì 11 aprile. L’evento si è tenuto dalle 14 alle 18, nella sede dell’Ex Cisapi di via Del Caravaggio 9 a Cagliari con la collaborazione della Regione Sardegna e del suo assessorato al Lavoro, dell’Aspal e Renaia. 

“Ogni azienda ha effettuato almeno 6 colloqui”, spiega il presidente della Fipe Confcommercio Sud Sardegna Emanuele Frongia, “questo è un primo passo verso la preparazione della stagione estiva ormai alle porte. Siamo sicuri che dalla nostra borsa del lavoro possano nascere nuove opportunità professionali per i candidati”.

“Purtroppo ancora offerta e domanda in Sardegna non si incontrano”, ha spiegato l’assessore al Lavoro Alessandra Zedda che ha sposato il progetto e preso parte alla presentazione del dossier sull’andamento del mercato del lavoro nei pubblici esercizi in Sardegna. “La Regione è fortemente impegnata con diversi strumenti anche grazie all’Aspal e alle politiche attive per attivare velocemente le borse lavoro dove c’è la possibilità di incontro tra disoccupati e aziende” ha proseguito l’esponente della Giunta Solinas.” È importantissimo continuare su questo percorso, tanto che abbiamo già in programma una serie di eventi”.

Maika Aversano, Direttrice Generale dell’ASPAL, parlando del mercato del lavoro in Sardegna, ha evidenziato come “dopo il calo marcato dell’occupazione del 2020, nel 2021 sia emerso un quadro piuttosto positivo, con le posizioni lavorative totali tornate sui livelli pre-crisi. A sostenere le sfide del prossimo futuro, legate anche alla delicata situazione internazionale, ci sarà il Programma GOL (Garanzia di Occupabilità dei Lavoratori), con una serie di misure di politica attiva del lavoro rivolte all’occupazione e all’occupabilità delle componenti più fragili dell’offerta di lavoro”. Inoltre, continua Aversano, “il Piano di potenziamento dei Centri per l’impiego consentirà una presa in carico sempre più personalizzata dell’utenza, sia lato cittadini che lato imprese, contribuendo a una maggior efficacia nell’incontro tra la domanda e l’offerta di lavoro”.

 “La fotografia del nostro studio dimostra che la caduta di occupazione di questi ultimi due anni ha riguardato soprattutto la fascia d’età tra i 20 e i 30 anni”, conclude il direttore di Confcommercio Sud Sardegna, Giuseppe Scura, che ha illustrato i dati del dossier.

PS logo inverted


Profilo Sociale - Periodico Online

Editore: Starter s.c.s. - Quartu Sant'Elena (CA), via Eligio Porcu 116 - P.Iva 03564920928

Direttore responsabile Andrea Matta - Registrazione Tribunale di Cagliari n.4 del 26 aprile 2018

Hosting provider: Netsons s.r.l. - Pescara (PE), via Tirino 99 - P.Iva 01838660684

Webdesign e sviluppo: Nicola Cabras, Starter scs