Quartu, non passa la mozione di sfiducia

La mozione di sfiducia non passa. Il sindaco Delunas resta il primo cittadino di Quartu. I numeri non sono dalla parte dell’opposizione che chiude con quattordici voti a favore, uno di meno rispetto alla quota di 15 voti che avrebbero dato l’ok alla mozione di sfiducia e allo scioglimento del consiglio comunale.

«Per l’approvazione della mozione di sfiducia al Sindaco – si legge all’articolo 46 del Regolamento comunale – è necessaria la maggioranza dei Consiglieri assegnati»

Questi i voti dei consiglieri:

14 i favorevoli alla mozione: il gruppo del Partito Democratico (Marco Piras, Francesco Piludu, Rita Murgioni, Barbara Cadoni, Tecla Brai, Mauro Ligas e Stefano Busonera); tre voti del Polo civico (Tonio Pani, Romina Angius e Dino Cocco); tre le consigliere del gruppo ‘Oggi è domani’ (Marcella Marini e Valeria Piras, Chiara Pili) e il capogruppo M5s Guido Sbandi.

14 voti contrari:  Lucio Torru, Martino Sarritzu,  Enrico Frau, Silvana Cadeddu, Veronica Olla, Tonino Lobina, Raffaele Marci, Giuseppe Casanova, Roberto Attilini, Davide Galantuomo, Marco Ghiani, il presidente del Consiglio Comunale Mauro Contini, il sindaco Stefano Delunas e Paolo Cocciu, tornato in aula dopo qualche settimana di pausa forzata.

Assente la consigliera Maria Teresa Cossu per motivi familiari e giustificata dal presidente del consiglio comunale, Contini.  

Seguici su:
error

Quartu, primo CreGrest a Santo Stefano

La scorsa settimana è terminato il primo CreGrest della parrocchia di Santo Stefano. Un’esperienza inedita per la comunità che nella sua storia lunga poco più di mezzo secolo ha sempre vissuto le attività estive concentrandosi sui campi scuola, prevalentemente nel rifugio Montegenis a Villasalto.

Quest’anno, per la prima volta, 24 tra ragazzi e ragazze che frequentano il catechismo, accompagnati da un folto gruppo di animatori dell’oratorio, hanno vissuto insieme una settimana di giochi, riflessioni, attività manuali, preghiera, seguendo il tema nazionale degli oratori lombardi, comune anche a molte altre realtà oratoriali della diocesi, racchiuso nel titolo di quest’anno “Bella Storia”.

A giudicare dai volti sorridenti dei ragazzi e dalle facce stanche ma soddisfatte degli animatori certamente il prossimo anno il gruppo sarà ancora più numeroso e, chissà, probabilmente anche l’esperienza comprenderà più giorni rispetto a quella appena terminata.

Il CreGrest in parrocchia a Santo Stefano giunge al termine di un progetto portato avanti durante l’anno composto da quattro giornate intere per i ragazzi, mirate per fasce d’età, che hanno aperto la strada a questi sei giorni, tutti di seguito, caratterizzati da un’alternanza di pomeriggi e giornate intere durante le quali i ragazzi si sono trattenuti anche a pranzo, dalla gita del venerdì nella foresta di san Leonardo a Santulussurgiu, dalla messa prefestiva comunitaria del sabato e dal momento conviviale in compagnia dei genitori dei ragazzi.

Tutto è cominciato con la riqualificazione dei locali della parrocchia e l’allestimento del cortile parrocchiale, inaugurato due settimane fa in occasione del sessantesimo anniversario di sacerdozio di don Tonio Tagliaferri, iniziativa del parroco don Giulio Madeddu portato a termine anche grazie all’impegno e al contributo di tanti parrocchiani che si è rivelato fondamentale per accogliere le attività di cui hanno goduto i ragazzi.

[Simone Bellisai]

Seguici su:
error

Quartu, incendio a Is Arenas: paura per il parco di Molentargius [Video]

Un vasto incendio ha colpito la zona di Is Arenas nei pressi dello stagno di Molentargius a Quartu. Il fatto è accaduto nella notte tra giovedì 11 e venerdì 12 luglio. Secondo le prime ricostruzioni, l’incendio è partito intorno alle ore 23.30 e si è esteso fino ad arrivare nei pressi delle abitazioni della zona. Sul posto sono intervenuti i Vigili del Fuoco.

Per restare in tema di incendi, la Protezione Civile ha emanato per la giornata di venerdì 12 luglio, un bollettino di Previsione Pericolo Incendio che prevede una allerta arancione con attenzione rinforzata.

Queste le immagini dell’incendio dal video in diretta di Roberto Pinna.

Pubblicato da Roberto Pinna su Giovedì 11 luglio 2019
Seguici su:
error

Seulo festeggia “Su Casu In Filixi”, il formaggio dei Centenari

Seulo festeggia “Su Casu In Filixi, il formaggio dei Centenari”. Sabato 13 e domenica 14 luglio, il prodotto antichissimo dei pastori di Seulo, sarà al centro della manifestazione, arrivata al decimo anno, che prevede percorsi degustativi, escursioni, laboratori di produzione.

«Su Casu In Filixi, formaggio che prende il nome dalla felce in cui viene adagiato, è preparato con latte caprino o ovino e si consuma freschissimo» si legge nella nota di presentazione. «Appena pronto ricorda un candido fossile, proprio perché la felce che lo avvolge gli rimane impressa in negativo. Un prodotto semplice, nato in un’epoca dove ogni singola risorsa diventava una fonte di sostentamento, che deve la sua straordinaria bontà a una materia prima eccelsa»

L’evento, organizzato dall’Ecomuseo dell’Alto Flumendosa e l’Associazione culturale Su Scusorgiu onlus, con il patrocinio del Comune di Seulo e dell’AT ProLoco Seulo, ha come obiettivo quello di  far conoscere ai più un prodotto di nicchia, senza dimenticare la sua salvaguardia e tutela.

Sabato 13 alle ore 18.30 in Piazza Genneria è in programma il convegno sul prodotto tra dell’importanza della tutela delle produzioni locali con Giuseppe Loi (Agenzia Laore) e di latte, formaggi e casari al tempo dei nuraghi con l’archeologa Alessandra Saba e Virginia Murgia. All’azienda agricola Cannas Antonio Onorato e all’enogastronomo Tommaso Sussarello, verrà invece affidato il tema del valore dei prodotti agroalimentari di qualità. Tutto intervallato dall’organetto di Sergio Putzu.

Al termine dell’incontro, spazio alla preparazione de su Casu In Filixi (alle ore 19.30) con turisti e visitatori pronti a diventare i protagonisti e, armati di schiumarola, adageranno il formaggio sulla felce. Alle 20.30, la manifestazione si concluderà con la “Notte di gusto” con la degustazione dei prodotti locali in un percorso enogastronomico per le vie del centro storico.

Domenica 14 luglio, alle ore 09.00, l’Escursione a cura dell’Ecomuseo dell’Alto Flumendosa; alle 13.30, il pranzo presso una delle strutture ricettive aderenti alla manifestazione. Alle ore 16.00, dopo il ritrovo nella sede dell’Ecomuseo, la partenza per la visita alla grotte Domus de Janas.

Seguici su:
error

Sciampitta, il festival del folklore: suoni e colori da tutto il mondo

Tutto pronto per la 33esima edizione di “Sciampitta”, il festival internazionale del folkore. Una rassegna partita da Quartu, diventata un appuntamento fisso dell’estate in città, e che nel corso degli anni è diventata itinerante e ha lasciato le vie del centro per spostarsi al Poetto.

L’edizione di quest’anno partirà da Capoterra, venerdì 12 luglio, poi passerà per Carbonia (sabato 13 luglio), prima dell’arrivo a Quartu Sant’Elena, domenica 14 luglio. Nella giornata di lunedì sarà a Gesturi e Sant’Anna Arresi; martedì 16 luglio a Muravera prima della grande chiusura a Quartu Sant’Elena. Tutti gli spettacoli saranno gratuiti.

Sciampitta a Quartu. I gruppi sfileranno per le vie della città domenica 14, dopo la Messa dei Popoli in programma alle ore 19.00 nella Basilica di Sant’Elena, e la deposizione dei fiori nel Monumento ai Caduti. Alle ore 20.15, il corteo partirà da Piazza Sant’Elena, percorrerà via Marconi e viale Colombo fino all’angolo con via Parini. I quartesi potranno ammirare i Tamburini di Oristano, il gruppo Città di Quarto, Su Idanu, Froris de Beranu, e i gruppi stranieri provenienti di Bolivia, Macedonia del Nord, Messico e Ossetia del Nord. La giornata si concluderà con uno spettacolo all’Operà Alma Beach Arena al Poetto con inizio alle ore 21.15. Insieme ai gruppi sardi e stranieri anche Francesca Lai e Davide Guiso.

La seconda serata a Quartu è in programma mercoledì 17 luglio, con diretta su Videolina, con inizio alle 21.15 e avrà come titolo “Il Folklore: la vita in scena”. Sul palco, i gruppi folk insieme ai Karma, Sandra Ligas, Lorenzo Denotti a Cuncordia.

A dirigere la macchina organizzativa del festival è l’Associazione “Città di Quarto 1928”, gruppo folk diretto da Gianni Orrù. A lui spetta anche il compito di dirigere la rassegna dal punto di vista artistico. Ecco la sua intervista per Profilo Sociale.

Profilo Sociale | Sciampitta, intervista con Gianni Orrù

Tutto pronto per la 33esima edizione del Festival Sciampitta in tour in programma dal 12 al 17 luglio tra Quartu Sant'Elena, Capoterra, Carbonia, Sant'Anna Arresi, Gesturi e Muravera. Ecco l'intervista con Gianni Orrù, il direttore artistico della rassegna e dell' Associazione Cittá di Quarto 1928.

Pubblicato da Profilo Sociale su Martedì 9 luglio 2019

Il programma completo della rassegna è consultabile sul sito www.sciampitta.com

Seguici su:
error
PS logo inverted


Profilo Sociale - Periodico Online - Registrazione Tribunale di Cagliari n.4 del 26 aprile 2018