Tag: cagliari

Abbanoa, nuove apparecchiature per il potabilizzatore di Simbirizzi

Martedì 30 giugno dalle ore 07.00 alle 19.00,  le squadre di Abbanoa hanno in programma un intervento di manutenzione nel potabilizzatore di Simbirizzi al servizio di Cagliari, Quartu, Quartucciu, Selargius, Maracalagonis e Villasimius. 

I lavori prevedono l’installazione un nuovo misuratore elettronico nella condotta in ingresso all’impianto.

«Per eseguire i lavori – si legge sul sito di Abbanoa –  sarà necessario sospendere l’attività del potabilizzatore. I tecnici di Abbanoa hanno approntato un piano che consentirà di garantire il servizio tramite l’utilizzo delle scorte accumulate ai massimi livelli nei serbatoi e manovre che saranno eseguite in rete per una efficiente distribuzione nei centri interessati. Per quanto riguarda Cagliari, sarà operativo a pieno regime il potabilizzatore di San Michele mentre il potabilizzatore di Sestu potrà garantire un’ulteriore integrazione in caso di emergenza. A Selargius, invece, la sospensione riguarderà il centro abitato per consentire il collegamento di nuove reti nel centro storico»

Il gestore unico del Servizio Idrico Integrato informa inoltre che eventuali cali di pressione, limitati alle zone alte, potrebbero verificarsi nel tardo pomeriggio. Il servizio riprenderà comunque a pieno regime appena sarà riavviato il potabilizzatore e ripristinati i livelli nei serbatoi.

Le anomalie potranno essere segnalate al servizio di segnalazione guasti di Abbanoa tramite il numero verde 800.022.040 attivo 24 ore su 24. 

Seguici su:

La Cagliari SoloWomen Run slitta a fine estate

Un nuovo rinvio per la Cagliari SoloWomen Run. La corsa, prevista il prossimo domenica  7 giugno, è stata rinviata a fine estate «ma solo in presenza delle condizioni di sicurezza necessarie per organizzare un evento a così alta partecipazione solidale». L’annuncio è arrivato nella giornata di sabato 9 maggio. «Sarà quindi necessario mantenere un confronto costante con il Comune e le altre istituzioni prima di fissare l’attesa nuova data», si legge in una nota.

Si tratta di un secondo rinvio per l’edizione 2020: dopo la prima data fissata lo scorso 8 marzo, la diffusione del Coronavirus aveva costretto ad un secondo spostamento per la seconda domenica di giugno. «Il primo obbligo per gli organizzatori, infatti, è tutelare le fasce più deboli in un clima di incertezza che riguarda tanti settori in tutta Italia, compreso quello dei grandi eventi».

Organizzata da 42K in collaborazione con Apd Miramar, Comune di Cagliari e Asi, con il patrocinio della Regione e del Consiglio regionale della Sardegna,  la Cagliari SoloWomen Run è la corsa  numero uno in Italia grazie alle 17.699 già iscritte. 

«Il successo della Cagliari SoloWomenRun – ricorda nella nota l’ ideatrice della corsa, Isa Amadi – è abbinato alla forte spinta partecipativa delle associazioni sarde che ogni anno moltiplicano il loro entusiasmo, avviando in tutta l’isola una campagna di crownfunding attraverso le iscrizioni. Il nostro pensiero va a tutte coloro che attenderanno il via libera insieme a noi, pronte a festeggiare insieme in un contesto sicuro».

Nessun cambiamento per le donne che hanno già aderito alla manifestazione, la maggior parte delle quali ha ritirato t-shirt, pettorale e kit Swr prima del lockdown. Per tute le altre, comprese le nuove iscritte che si aggiungeranno nel frattempo, sarà possibile recarsi al Punto Rosa presso il “Centro commerciale La Playa” nei giorni che precederanno la corsa, con date e negli orari che, come sempre, verranno comunicati attraverso il sito ufficiale solowomenrun.it e sui social network collegati all’ evento. 

La corsa, che fa del sociale il suo punto di forza, ha contribuito a sostenere la comunità sarda nel corso dell’emergenza Coronavirus. La società organizzatrice, 42K srl, ha donato 3mila euro al Comune di Cagliari nell’ambito dell’iniziativa promossa per raccogliere fondi a favore di famiglie, imprese, professionisti e ospedali.

Seguici su:

Sette buone notizie

Vi proponiamo sette buone notizie dalla Sardegna e dalla penisola

A Cagliari, le Camere di Buoni e Cattivi (progetto di Domus de Luna) hanno messo alcuni appartamenti a disposizione di medici e infermieri. “Abbiamo cercato di fare la nostra parte con la speranza di donare un po’ di serenità”. Intanto la Fondazione DdL ha firmato un appello per il #decretobambini  

A Sorradile, paese dell’oristanese con 354 abitanti, l’amministrazione comunale ha stanziato 7mila euro per alcune iniziative per i suoi cittadini durante l’emergenza: pizza gratis nel weekend; pacco alimentari con acqua, pane e latte, quotidiani sardi e due chili di arance. In arrivo – racconta L’Unione Sarda – anche le mascherine realizzata dalle volontarie sorradilesi.

[Foto tratta GoOristano]

A Sassari parte il progetto “Spesa Sospesa”. Da lunedì 30 marzo, in alcuni supermercati sarà possibile acquistare beni di prima necessità che saranno ritirati dalla Protezione Civile e donati ai più bisognosi. Il progetto si chiama Al momento – riporta La Nuova Sardegna hanno aderito quattro aziende Cobec, Conad, Eurospin e Nonna Sia per un totale di 34 supermercati.

Andiamo nella penisola. A Montevarchi, in provincia di Arezzo, la sindaca Silvia Chiassai Martini ha adottato due sorelline rimaste in casa, da sole, in isolamento per il Covid-19. Secondo quanto riporta La Repubblica, le bimbe hanno perso la nonna, morta nel reparto di rianimazione, lo stesso in cui è ricoverata la mamma. Per le piccole si è attivata la catena di solidarietà. Ora hanno lasciato la casa di famiglia e sono andate a vivere dai parenti

[Foto da Visit Tuscany]

Tanti imprenditori stanno riconvertendo le loro fabbriche per la produzione di mascherine, vedi il caso di Giorgio Pisu a Selargius come racconta Vito Biolchini nel suo blog e in tutta Italia. Ad Alba, l’azienda tessile Miroglio ha messo da parte l’alta moda e produrrà 600mila mascherine; a Firenze, Menarini già nel campo farmaceutico, fornirà gratuitamente 5 tonnellate di gel disinfettante, secondo quanto si legge da Il Sole 24 Ore.

[Foto tratta da GreatPrints]

L’Istituto Luce contribuisce alla campagna #IoRestoACasa e apre il suo scrigno dei ricordi con oltre 70mila video e 400mila fotografie d’archivio tra arti, storia, politica, sport, attualità e tanto altro. Per i nostalgici cagliaritani monarchici c’è anche il racconto della visita del reali Savoia a Cagliari per la Festa di Sant’Efisio nel 1929

L’AS Roma ha consegnato ai suoi abbonati over 75 una scatola con generi di prima necessità (pasta, biscotti, zucchero, sale, olio, pomodoro, caffè, tonno, marmellata, birra, tutto proveniente dagli sponsor della società), una copia della Gazzetta dello Sport, un kit mascherine, amuchina e guanti e una sciarpa giallorossa. All’abbonato più anziano è stata regalata anche una maglia autografata da Edin Dzeko. L’iniziativa è stata portata avanti da Roma Cares, la Onlus della società legata alla promozione sociale

A special delivery for our older season ticket holders

A special home delivery for our oldest season ticket holders today ♥️Oggi è iniziata la consegna dei pacchi speciali dell'AS Roma dedicata agli abbonati over-75

Pubblicato da AS Roma su Venerdì 27 marzo 2020
Seguici su:

Coronavirus, chiude il parco di Molentargius

Nessun accesso al Parco Naturale Regionale Molentargius-Saline dal 17 al 25 marzo 2020. La decisione è stata comunicata sulla pagina facebook del parco dal direttore, Claudio Maria Papoff, che ha preso in considerazione il verbale del Corpo Forestale, datato 15 marzo, che riferisce di aver osservato assembramenti di persone in alcune aree del parco.  Cancelli chiusi dunque per il forte rischio di trasmissione dell’infezione virale, «causato anche da questa forma non autorizzata di vicinanza sociale, in spregio alle necessarie e semplici obblighi di cautela igienico sanitaria».

L’ingresso sarà consentito, fino alla loro abitazione o pertinenza, ai residenti, agli agricoltori, agli allevatori e a coloro che possiedono animali ospitati nei terreni del Parco. Sarà consentita, inoltre, «la presenza nel Parco ai mezzi dei dipendenti e delle imprese appaltatrici dei Comuni di Cagliari e di Quartu Sant’Elena, delle imprese di manutenzione dei servizi di rete, di Abbanoa, delle sue imprese appaltatrici e di quelle impegnate nel conferimento al Depuratore e al personale con i relativi mezzi che opera per conto del Parco. Il divieto non trova applicazione per le forze dell’ordine, delle armi dell’esercito e del Corpo Forestale e di Vigilanza Ambientale della Sardegna»

[Foto tratta da pagina facebook Parco Naturale Molentargius-Saline]

Seguici su:

Coronavirus, cambiano gli orari del trasporto pubblico CTM

Cambiano gli orari del trasporto pubblico CTM. Da lunedì 16 marzo il servizio verrà effettuato con le frequenze estive (come la domenica).  «Non saranno attive – come si legge sulla pagina facebook dell’azienda – le linee: Qsa, Qsb, 16, Cep, Gss, 40, Uexp, 19 e 29. Rimarranno attive le linee 17 e 18». 

La decisione del consorzio è arrivata dopo la disposizione del presidente della Regione, Christian Solinas, che ha imposto la riduzione di almeno il 50% del servizio di trasporto pubblico locale di terra (ferrovia, metrotranvia e gomma)  per combattere la diffusione del coronavirus. 

Sul sito ctmcagliari.it sarà possibile scaricare la tabella con la frequenza oraria. Le informazioni saranno reperibili sull’app BusFinder e sulle paline elettroniche. È attivo anche il numero 800078870 tutti i giorni dalle 8.30 alle 18.30. «Ctm sarà quotidianamente impegnata a garantire gli spostamenti delle persone all’interno dei comuni serviti» conclude il post sulla pagina del consorzio. 

Seguici su:
PS logo inverted


Profilo Sociale - Periodico Online - Registrazione Tribunale di Cagliari n.4 del 26 aprile 2018