Mesa Noa Food Coop: il cibo diventa etico e sostenibile

di Andrea Matta

Parte da Cagliari il primo progetto di cooperativa collaborativa di consumo in Sardegna. Si chiama “Mesa Noa – Food Coop”.  All’interno del progetto, i soci sono proprietari, gestori e clienti in un sistema innovativo di vendita e acquisto di prodotti prevalentemente locali. Una alternativa alla grande distribuzione organizzata nata con l’intento di creare una comunità di consumo critico. Mesa Noa è stata fondata da 58 soci, ora diventati 95. Tra loro c’è anche Nicola Pili, consigliere d’amministrazione della cooperativa che ci racconta come nasce e si sviluppa il progetto.

Com’e nata l’idea di Mesa Noa?

«L’idea è nata dalla visione di un film: “The Park Slope Food Coop”. Un film di Tim Bothe che racconta dell’esperienza di una cooperativa di New York nata dal 1973. Da tempo insieme ad altri amici ero attivo in un gruppo che si propone di sostenere il portale Italia che Cambia. Un portale che vuole raccontare buone pratiche ed esperienze positive in giro per l’Italia. Avevamo già fatto eventi di discussione a partire da un film, quindi quando Massimo Planta, fondatore dell’associazione “Terre colte” si è imbattuto nel trailer ci ha subito detto che sarebbe stato bello non solo parlarne, ma fare una cosa del genere anche qui da noi. Ci siamo attivati per fare una proiezione del film di Tim Bothe per l’11 Marzo 2018  a Cagliari presso il cinema Odissea.
L’evento e il dibattito che ne è seguito hanno destato molto interesse e partecipazione, ciò ci ha motivato a lavorare a questo progetto. Siamo partiti in tre o quattro, abbiamo coinvolto quelli che avevano partecipato alla proiezione e si erano detti interessati e con loro abbiamo organizzato una seconda proiezione per fine maggio stavolta presso la Cineteca Umanitaria a Cagliari. Anche in questa occasione  emerse molto interesse e volontà di collaborare da parte di tutti i presenti. Da qui ci siamo dati appuntamento a metà giugno. A quel punto eravamo già una trentina e ci siamo divisi in gruppi di lavoro che hanno lavorato a dar vita al progetto. Sono stati mesi intensi di attività e confronto che hanno portato il 21 Marzo di quest’anno alla fondazione di Mesa Noa Food coop società cooperativa, una cooperativa di consumatori che a breve darà vita ad un emporio collaborativo, sarà la prima esperienza del genere in Sardegna e probabilmente la seconda in Italia. Infatti a Bologna in modo simile al nostro è da poco nata: “Camilla, emporio di comunità”. Loro ci precedono di qualche mese, e ci hanno molto aiutato in tutte le fasi del progetto».

Che cos’è una food coop?

«Il modello è quello dell’esperienza newyorkese. I soci offrono tre ore di lavoro al mese, in cambio sono direttamente responsabili della scelta e della qualità dei prodotti che acquisteranno, e possono contenere i costi così da avere prodotti di alta qualità a un prezzo accessibile. Questo modello, è arrivato in Europa dopo il film dove cooperative analoghe sono nate in Francia, in Belgio, e come detto anche in Italia. Per noi, questo progetto rappresenta il tentativo di creare una comunità locale di consumo critico, che risponda alla esigenza di mettere a disposizione delle persone prodotti di qualità a prezzi contenuti e fornire strumenti di riflessione.  Ci proponiamo inoltre di promuovere azioni concrete per lo sviluppo dell’economia locale».

Come contribuiscono i soci alla crescita del progetto?

«Il progetto non può prescindere dall’impegno attivo dei soci, che devono mettere a disposizione un po’ del loro tempo. Oltre questo tempo dedicato all’Emporio i soci possono, se vogliono,  intervenire in tutte le fasi di gestione del progetto  partecipando ai gruppi di lavoro che sono collegati direttamente al consiglio di amministrazione della cooperativa. Stiamo lavorando per avere una gestione di “governance dinamica” basata sul consenso, che possa tener conto il più possibile delle opinioni di tutti i nostri soci».

Quali sono i vantaggi dell’Emporio collaborativo?

«Con l’Emporio collaborativo, i soci troveranno tutto quanto serve loro per liberarsi dalla grande distribuzione, avendo anche la possibilità di stabilire quali prodotti trovare nel negozio. Al tempo stesso stiamo dando vita ad una comunità di consumatori consapevoli, attenti alla qualità dei prodotti e rispettosi del lavoro dei produttori. Faremo ciò riducendo la filiera, acquistando cioè direttamente da produttori prevalentemente locali. Oppure rivolgendoci a filiere etiche e sociali per i prodotti non reperibili in Sardegna»

Come si può diventare soci di “Mesa Noa Food Coop”?

«Per diventare socio, basta versare una quota sociale pari a 125 euro, e vale per sempre. Il nostro è un progetto aperto. Chiunque fosse interessato può partecipare alle nostre iniziative, e ragionare con noi sui temi del consumo critico. Naturalmente ci piacerebbe che tante persone si unissero a noi diventando soci, o anche solo partecipassero contribuendo alla diffusione dei valori che sono alla base del nostro progetto. Più o meno un anno fa eravamo solo sei oggi siamo quasi un centinaio, ma ci auguriamo di essere molti di più nei prossimi mesi».

Seguici su:
error

cibo, mesa noa, mesa noa food coop

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

PS logo inverted


Profilo Sociale - Periodico Online - Registrazione Tribunale di Cagliari n.4 del 26 aprile 2018